Deficit di piruvato chinasi (gene PKLR, Beagle)

Il deficit di piruvato chinasi è un disturbo caratterizzato dall'assenza di piruvato chinasi negli eritrociti, che porta a una significativa riduzione della durata di vita dei globuli rossi e a una grave forma di anemia emolitica rigenerativa.

Sintomi

Il deficit di piruvato chinasi si manifesta con sintomi che di solito compaiono tra i 4 mesi e 1 anno di età nei cani affetti. Questi cani presentano una grave anemia che si riflette in una crescita lenta, debolezza e scarsa tolleranza all'esercizio fisico. Inoltre, si osservano alterazioni ossee caratterizzate dalla sostituzione del midollo osseo con tessuto fibroso (mielofibrosi) e da una densità ossea anomala (osteosclerosi). Con il progredire della malattia, l'insufficienza epatica e del midollo osseo si verifica di solito intorno ai 5 anni di età, portando a una prognosi infausta e alla morte in quella fase della vita.

Gestione della malattia

Attualmente non è stata trovata alcuna cura per il deficit di piruvato chinasi. Sebbene il trapianto di midollo osseo sia stato utilizzato come opzione per ridurre i segni clinici nei cani affetti, è importante notare che sono necessarie ulteriori ricerche in questo campo per valutarne l'efficacia e la fattibilità come trattamento.

Base genetica

Questa malattia segue una modalità di ereditarietà autosomica recessiva. L'ereditarietà autosomica recessiva significa che il cane, indipendentemente dal sesso, deve ricevere due copie della mutazione o della variante patogena per essere a rischio di sviluppare la malattia. Entrambi i genitori di un cane affetto devono essere portatori di almeno una copia della mutazione. Gli animali portatori di una sola copia della mutazione non hanno un rischio maggiore di sviluppare la malattia, ma possono trasmettere la mutazione alle generazioni future. È sconsigliato l'accoppiamento tra cani portatori di varianti genetiche che possono causare la malattia, anche se non presentano sintomi.

Rapporto tecnico

Il deficit di piruvato chinasi è caratterizzato dall'assenza dell'enzima piruvato chinasi nei globuli rossi, codificato dal gene PKLR. Questo enzima svolge un ruolo chiave nella glicolisi anaerobica, la via metabolica attraverso la quale i globuli rossi ottengono energia. Di conseguenza, la mancanza di questo enzima porta a un'inadeguata produzione di energia (sotto forma di ATP), alla lisi degli eritrociti o alla loro distruzione precoce nella milza. In uno studio di Gultekin et al. (2012) è stata identificata una mutazione nel gene PKLR associata alla carenza di piruvato chinasi nella razza Beagle. La mutazione nonsense consiste in una sostituzione di una singola base nell'esone 8 (c.994G>A), con conseguente scambio di una glicina con una serina in una posizione altamente conservata. È probabile che la variante descritta dia luogo a una proteina non funzionale. È importante notare che sono state descritte diverse varianti in razze diverse come probabili cause di deficit di piruvato chinasi. La maggior parte delle varianti descritte finora sono incluse nel nostro test.

Le razze più colpite

  • Beagle

Bibliografia

Gultekin GI, Raj K, Foureman P,et al. Erythrocytic pyruvate kinase mutations causing hemolytic anemia, osteosclerosis, and secondary hemochromatosis in dogs. J Vet Intern Med. 2012 Jul-Aug;26(4):935-44.

Non conoscete ancora la vera natura del vostro cane?

Svelate i segreti del DNA del vostro animale domestico con le nostre due gamme.

starter

Razze + Tratti fisici

advanced

Salute + Razze + Tratti fisici

Mese del Padre Solo fino al 20 giugno sui nostri test di DNA per cane. Usa il nostro codice DAD15
Acquista